Valcerrina, l’Istituto comprensivo in visita a Cascina Abele accolto da don Luigi Ciotti

Visite: 366
0 0
Condividi con
Tempo di lettura:1 Minuti, 37 Secondi

Da lassù si gode un panorama stupendo. “Lassù” è la Cascina Abele, dove giovedì 4 maggio gli
alunni delle classi seconde e terze della secondaria di Cerrina e Murisengo si sono recati in visita.
Gli scuolabus che si sono inerpicati lungo la stretta e ripidissima via che porta alla sommità del
colle ove sorge la struttura – ora perfettamente riattata e rinnovata – hanno trovato ad accoglierli
don Luigi Ciotti, pronto a salutare amichevolmente tutti coloro che ne scendevano, fossero
insegnanti o allievi non importa, quasi a sottolineare, con sorridente semplicità e naturalezza,
come l’accoglienza vada praticata anche nel quotidiano e non solo fatta oggetto di pur meritori
discorsi.
Proprio don Ciotti, insieme al responsabile Gabriele Zonca, il quale si occupa della conduzione
della Cascina e delle relative attività, hanno guidato gli ospiti in una breve visita ai nuovi locali e
illustrato loro le iniziative alle quali verranno adibiti. Tra queste, ad esempio, l’accoglienza di
studenti di tutti gli ordini di scuola per momenti di studio, attività formative e culturali ad esso
legate, visite didattiche e convegni.
Dopo aver consumato una ricca colazione a buffet all’aperto, gli allievi e i loro insegnanti si sono
recati nella sala convegni in cui don Ciotti, dopo una breve ma sentita introduzione di Gabriele
Zonca, e partendo dalle domande dei ragazzi, ha a lungo parlato, toccando temi fondamentali
legati alla società di oggi e alla crescita dei giovani. I ricordi della sua infanzia, di bambino migrante
diremmo oggi (a Torino dal Cadore), della sua giovinezza, i riferimenti inevitabili al suo presente
“blindato”, alla fondazione del Gruppo Abele, che festeggerà tra due anni il sessantesimo
anniversario e di cui la Cascina è una delle sedi, e dell’associazione Libera, sono stati propedeutici
all’approfondimento di argomenti forti, quali la migrazione dei popoli appunto, l’accoglienza in
tutti i suoi aspetti, le dipendenze e le loro diverse tipologie, la corruzione, la mafia e molto altro
ancora.
Davvero non poteva esserci miglior insegnamento sulla via della legalità e, nel suo senso più
ampio, dell’educazione civica.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %
Condividi con

Ti potrebbero interessare

Articolo dello stesso autore

+ There are no comments

Add yours