Biella, per la Festa del Piemonte un ricordo di ‘Tavo Burat’ grande piemontese

Tempo di lettura:39 Secondi

Al termine delle celebrazioni della prima Festa del Piemont, il sindaco Claudio Corradino ed il consigliere Alessio Ercoli hanno deposto un Drapò di fiori (nella foto) al camposanto dove riposa il sonno eterno Tavo Burat, grande autonomista e grande piemontese.

Fu proprio lui nel 1968 a Graglia a riscoprirlo dopo quasi 100 anni di obblio e proporlo poi come bandiera ufficiale della Regione Piemonte.

Tavo Burat, al secondo Gustavo Buratti Zanchi nacque a Stezzano nel 1932 e morì a Biella nel 2008. E’ stato scrittore, poeta, docente, giornalista, politico (consigliere provinciale a Biella), studioso e difensore della minoranze linguistiche e della autonomie locali.

Su di lui e sulla sua vita e sul suo impegno canavesanoedintorni.it tornerà prossimamente con una serie di approfondimenti per ricordarne l’opera e l’impegno.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Lascia un commento

Apri WhatsApp
1
Chat con Canavesanoedintorni
Benvenuto. Inizia la chat con Canavesanoedintorni